Home Page » transcriptions » sartori_felice

The information below has been extracted from the original Italian article contained in the 1939 Edition of the "Guida Generale Degli Italiani In Gran Bretagna". An English translation has been provided below the transcription. Please inform the Webmaster of any translation errors.

SARTORI, MARCHESE FELICE ROMEO

Sull'attività industriale del Marchese Sartori avremmo voluto molto scrivere; ciò non ci è stato possibile farlo, poichè ci sarebbe costato ancora chi sa quanta fatica per smuoverlo dalla sua modestia. Nondimeno, essendo dovere e uno dei precipui scopi di questa terza edizione della "GUIDA" il segnalare all'ammirazione e ad esempio dei connazionali quegli Italiani che son pervenuti a conquistarsi posizioni invidiabili mercè la loro tenace ed onesta laboriosità, nonché quegli Italiani che, pur sconosciuti alla nostra collettività, tenendosi chiusi nella loro modestia, mantengono alto il nome della Patria, ci siamo permesso, anche suo malgrado, contravvenire al suo volere.

Tra gli Italiani di Londra emerge per la sua dinamica attività il Marchese Felice Romeo Sartori oriundo di Blesine Bruense e residente a Londra da oltre 40 anni. La sua costante operosità, le sue geniali iniziative, coronate sempre da successi, gli hanno procurato una delle posizioni più eminenti, specialmente nel campo alberghiero. Proprietario di alberghi a Londra, tra i quali il sontuoso "Meurice", egli lo è anche in Italia, dove ha profuso ingenti capitali. La costruzione del "Savoia" a San Remo è una delle sue imprese più brillanti: Albergo lussuosimmo, corredato di quanto si possa desiderare in questi tempi di grandi comodità, di sport ecc. Ma ciò che rende la sua figura più interessante e la inquadra nel sistema sociale fascista è il suo comportamento verso il personale (nel Savoia sono occupati 180 individui), comportamento che attua il precetto mussoliniano: "Andare verso il popolo". Difatti esso gode di tutti gli agi, di tutte le comodità possissibili perchè la loro vita di lavoro sia resa facile e gaia. Secondo il Marchese Sartori, tutti indistintamente i suoi impiegati sono suoi collaboratori che in un prossimo futuro parteciperanno anche agli utili dell'azienda.

Il suo altruismo poi, la sua spesso munificentissima generosità è ben nota alla collettività londinese e in Italia.

Translation

On the industrial activity of the Marquis Sartori we would have liked very much to write. This was not possible, as it would have cost who knows how much hard work to shift him from his modesty. Nevertheless, being the duty and one of the principal purposes of this third edition of the "Guide" to highlight the admiration and example of countrymen of those Italians who have come to earn enviable positions through their tenacious and honest hard work, as well as those Italians who, although unknown to our community, hidden in their modesty, maintain high the name of the fatherland, we are allowed to contravene, even in spite of, his wish.

For his dynamic activity the Marquis Felice Romeo Sartori, originally from Blesine Bruense and resident in London for over 40 years, surfaces among the Italians of London. His constant hard work, his brilliant initiatives, crowned by his successes have provided him one of the more prominent positions, especially in the hotel field. Owner of hotels in London, including the sumptuous "Meurice", he is also in Italy, where he has significant capital. The construction of the "Savoia" in San Remo is one of his most brilliant companies. A most luxurious hotel, accompanied by what you might wish for in these times of great comfort, sport etc. But what makes his character more interesting and the image of the social fascist system is his behavior towards the staff (in the Savoia he employed 180 individuals), which implements the meaning of the Mussolini precept : "Go to the people". In fact, they enjoy all the comforts, all the comforts possibile because their working life is made easy and cheerful. According to Marquis Sartori, all and sundry of employees are employees that in the near future also will participate in the profits of the company.

Of his altruism, his frequent very munificent generosity is well-known to the community in London and in Italy.