Home Page » transcriptions » sanguinetti_g

The information below has been extracted from the original Italian article contained in the 1939 Edition of the "Guida Generale Degli Italiani In Gran Bretagna". An English translation has been provided below the transcription. Please inform the Webmaster of any translation errors.

SANGUINETTI, G

Studiò a Carrara presso la R. Accademia delle Belle Arti, culla di celebri artisti tra cui gli scultori Dazzi e Fontana, e gli architetti Del Debbio e Vivarelli e tanti altri. Sanguinetti è uno scultore che si è dedicato al disegno architettonico e ornamentale; uno di quegli artisti di fresca ispirazione italiana che in tutto il mondo lasciano tracce sicure ed originali del loro ingegno. Ma è anche uno di quegli spiriti eclettici di cui ha sempre abbondato la nostra terra; è anche musicista, per esempio, e a sedici anni suonava già nelle grandi orchestre, nei teatri d'opera della Toscana; ed è anche inventore, tanto che un aeroplano di linea originale disegnato da lui, richiamò a suo tempo la attenzione del nostro governo.

Ha lavorato molto in molti paesi. La decorazione interna del Palazzo dell'Australia fu diretta da lui; durante la Guerra fu in Albania a Vallona; poi dopo l'armistizio ritornò a Londra e da allora è uno dei più apprezzati artefici presso una grande ditta che doveva impiegarlo per due anni e che viceversa dopo sedici anni di apprezzata collaborazione continua a servirsi di lui considerandolo come il migliore dei suoi artisti.

Sanguinetti però non ha mai rinunciato a fare dell'arte per obbedire ad un imperativo categorico del suo spirito, senza desiderio o speranza di immediato guadagno; ed a questa sua attività di creatore di opere belle si deve il forte ritratto del Duce, esposto alla mostra del Fascio, e si devono non sappiami quanti acquerelli e pastelli di intrinseco valore tra cui una veduta del Canal Grande di Venezia, una allegoria deila Pace e della Vittoria, e molti altri quadri e disegni lodatissimi. E non è da dimenticare che fu Giuseppe Sanguinetti che vinse il concorso bandito dalla A.N.C.I. per la lapide dei nostri Caduti nella Grande Guerra che sorge nel vestibolo della Chiesa Italiana di San Pietro nel Clerkenwell.

Egli è un autentico fascista, un vero spirito squadrista.

Translation

He studied in Carrara at the R. Accademia delle Belle Arti, the cradle of famous artists, including sculptors Dazzi and Fontana, and architects Del Debbio and Vivarelli and many others. Sanguinetti is a sculptor who is dedicated to architectural and ornamental design; one of those fresh Italian inspired artists who around the world leave secure and original tracks of their genius. But he's also one of those eclectic spirits which always abound in our land; he is also a musician, for example, and at the age of sixteen he had already played in large orchestras, in opera houses in Tuscany; and is also an inventor, an airplane of original line was designed by him, in his time brought to the attention of our Government.

He worked extensively in many countries. The interior decoration of the Palace of Australia was awarded to him; during the War he was in Albania at Vallona; then after the Armistice he returned to London and has since been one of the most respected craftsman at a large company that employed him for two years and vice versa after sixteen years of esteemed co-operation continues to employ considering him as the best of their artists.

Sanguinetti, however never gave up on making art to obey a categorical imperative of his spirit, without desire or hope of immediate gain; and to this he worked at creating beautiful works he had the strong portrait of Il Duce, displayed the exhibition of the Fascio, and we do not know how many watercolors and pastels of intrinsic value including a view of the Grand Canal of Venice, an allegory of Peace and Victory, and many other paintings and drawings lodatissimi. And not to forget that it was Giuseppe Sanguinetti who won the competition banned by A.N.C.I. for Memorial stone for Our Fallen in the Great War in the vestibule of St. Peter's Italian church in Clerkenwell.

He is a true fascist, a real Fascist spirit.