Anglo-Italian
Family History Society

Home Page » transcriptions » pupino_pietro

AIFHS logo

The information below has been extracted from the original Italian article contained in the 1939 Edition of the "Guida Generale Degli Italiani In Gran Bretagna". An English translation has been provided below the transcription. Please inform the Webmaster of any translation errors.

PUPINO-CARBONELLI, COMM. PIETRO

Pupino-Carbonelli Comm. Dr. Pietro (Pietro P. Carbonelli). Corrispondente londinese del "Corriere della Sera". Abitazione: 1, Tottenham Court Road, W.1. (Telefono Museum 2971 ). Ufficio: c/o The Times, Printing House Square, E.C.4. (Telefono Central 2000). Indirizzo telegrafico: Corseramil Rath, London.

Appena quarantenne, Pietro P. Carbonelli è uno dei giornalisti più popolari e apprezzati che sia uscito dai ranghi dello Squadrismo fascista. Continuatore di una tradizione di famiglia ispirata al più sicuro patriottismo e che nel periodo del Risorgimento diede alle file garibaldine il Generale Vincenzo Carbonelli che fu per ventidue anni deputato repubblicano al Parlamento nazionale, Pietro P. Carbonelli partecipò alla guerra mondiale come Ufficiale di fanteria e fu due volte ferito.

Nel 1919 fondò con Marinetti, Bottai, Felicioni, Bolzon, ecc., i primi Fasci di Taranto, Perugia e Napoli e il 23 marzo 1919 aderì alla storica Adunata di Piazza Sansepolcro. Corrispondente nel 1919 del "Popolo d'Italia" diretto da Benito Mussolini, collaborò attivamente ai principali periodici fascisti della Vigilia e in particolare a Roma Futurista, Il Fascio, L'Italia Antibolscevica, Testa di Ferro, Giovinezza, L'Uomo e l'Idea, il Principe, ecc. Fino al 1923 redattore viaggiante del 'Corriere delle Puglie' di Bari, entrò nel 1924 nella redazione del quotidiano fascista 'L'Impero' che condusse strenuamente la lotta contro i superstiti nemici della Rivoluzione.

Nel 1925 con Gorrieri, Parini e Ferretti, sotto la guida di Arnaldo Mussolini, collaborò alla fondazione in Milano del primo Sindacato Fascista dei Giornalisti. Dal 1925 al 1927 fu redattore di politica estera al "Secolo" diretto dal Senatore Giuseppe Bevione.

Dal 1927 è corrispondente all'estero del "Corriere della Sera", ed ha tenuto successivamente la direzione degli uffici di Parigi, Londra e New York. In quest'ultima città, dal 1935 al 1937, è stato Fiduciario della Segreteria Generale dei Fasci all'Estero per gli Stati Uniti d'America. A Londra egli è anche Fiduciario del Sindacato dei Giornalisti Fascisti. E' decorato della Commenda del Reale Ordine della Corona d'Italia e di altre onorificenze straniere. Nel 1919 consegui la laurea in legge nella Regia Università di Napoli.

Translation

Pupino-Carbonelli Comm. Dr. Pietro (Pietro P. Carbonelli). London correspondent of Corriere della Sera. House: 1, Tottenham Court Road, W. 1. (Telephone Museum 2971). Office: c/o The Times Printing House Square, E.C.4. (Telephone Central 2000). Telegraphic address: Corseramil Rath, London.

Just 40, Pietro P. Carbonelli is one of the most popular and esteemed journalists that hass come from the ranks of the Fascist Squads. Follower of a family tradition inspired by the sure patriotism and that, during the period of the Risorgimento, gave the Garibaldian lines General Vincenzo Carbonelli who was a Republican Congressman for 22 years in the national Parliament. Pietro P. Carbonelli participated in World War I as an infantry officer and was wounded twice.

In 1919 he founded with Marinetti, Bottai, Felicioni, Bolzon, etc., the first Fasci of Taranto, Perugia and Naples, and the March 23, 1919 joined the historic Gathering of Sansepolcro Square. In 1919 he was a correspondent of the "Popolo d'Italia" directed by Benito Mussolini, collaborated actively in major Fascist periodicals specifically "Roma Futurista", "L'Italia Antibolscevica", "Testa di Ferro", "Giovinezza", "L'Uomo e l'Idea", "il Principe", etc. Until 1923 he was the travelling editor of "Corriere delle Puglie" of Bari, became editor in 1924 in daily fascist newspaper "L'Impero" in which he strenuously combating the remaining enemies of the revolution.

In 1925 with Gorrieri, Parini and Ferretti, under the guidance of Arnaldo Mussolini, he collaborated in the Foundation in Milan of the first Fascist Syndicate of Journalists. From 1925 to 1927 he was editor of foreign policy to the "Secolo" directed by Senator Giuseppe Bevione.

From 1927 he was the foreign correspondent of "Corriere della Sera", and held successively managed the offices in Paris, London and New York. In the latter city, from 1935 to 1937, he was Trustee of the General Secretariat of the Foreign Fasci for the United States of America. In London he is also Trustee of the Fascist Journalists' Union. He was decorated of the Commenda of the Royal order of the Crown of Italy and other foreign medals. In 1919 obtained a degree in Law at the directing the Regia University of Naples.