Anglo-Italian
Family History Society

Home Page » transcriptions » millauro_orazio

AIFHS logo

The information below has been extracted from the original Italian article contained in the 1939 Edition of the "Guida Generale Degli Italiani In Gran Bretagna". An English translation has been provided below the transcription. Please inform the Webmaster of any translation errors.

MILLAURO, DOTT. ORAZIO

Dalla nativa Agira, in provincia di Catania, circa quaranta anni fa veniva anch'egli a tentar la sorte in questa metropoli londinese Orazio Millauro, studente in medicina. Per circostanze economiche di famiglia aveva dovuto smettere i suoi studi all'Università di Catania, e fattasi prestare una certa somma di danaro da amici, cambiò il suo bel cielo per le brume di Londra senza però mutar il suo cuore rimasto sempre italiano.

Armato della sua sola forte volontà e del suo svegliato ingegno il Millauro a Londra si sobbarcò ad ogni sorta di lavoro pur di conseguire quel grado sociale, mèta delle sue aspirazioni che le ristrettezze finanziarie di famiglia gli avevano troncate in patria. Incominciò col fare il garzone di farmacia, lavando bottiglie, pestando droghe; indi passò per varie cliniche come commesso. Girovagando un giorno per le strade di Londra, una scritta su la vetrina di una bottega attrasse la sua attenzione: si trattava di sradicare i peli dai volti femminili. Pensò subito che tale mestiere sarebbe stato la sua fortuna e pur di apprenderne i mezzi senza alcuna titubanza entrò nel negozio domandando, con sorpresa della padrona, che credeva di trovarsi di fronte ad un demente, di estirpargli i peli dalla barba poichè gli davavo fastidio. La donna non esitò troppo e ben tosto lo sottopose all'atto operatorio. In venti minuti gli portò via alcune dozzine di peli mentre egli ebbe tutto l'agio di osservare il modo di usare la macchinetta, la marca di fabbrica e la qualità dell'anestetico.

Dopo alcune settimane, mercè una buona pubblicità, aveva il suo locale ed una buona clientela che andò sempre aumentando con grande profitto pecuniario che gli permise di iscriversi alla facoltà di medicina, frequentando cosi i corsi presso l'Ospedale di Charing Cross. Tale mestiere però incominciò ad andar male per la ingordigia del suo agente di pubblicità che pretendeva i tre quarti del guadagno, per la qual cosa si mise a fare il massaggiatore fino a che conseguita la laura in medicina e chirurgia apri una propria clinica nel quartiere di Chelsea che in un paio d'anni gli procurò notorietà e vistosi guadagni. Dopo varii anni ne apri una altra in altro quartiere che ebbe anch'essa grande successo, fino a che, inoltrato negli anni, decise di ritirarsi dall'esercizio professionale.

Ritiratosi a vita privata egli ha voluto essere il collaboratore efficace della propria figlia Rosa, nella manifattura degli occhi artificiali. Riviste, giornali scientifici inglesi, si sono spesso occupati di questa, per quanto nata all'estero, nostra connazionale che, unica donna in inghilterra, manifattura occhi artificiali di tale naturalezza che applicati con un metodo speciale nell'orbita acquistano la stessa mobilità dell'occhio naturale ed è difficile notarne la differenza.

Il Millauro pur avendo trascorsa la sua lunga vita londinese esercitando la sua professione negli ambienti inglesi, nulla ha perduto della sua italianità. Nel periodo delle sanzioni ha fatto doverosamente la sua modesta propaganda per la giusta causa italiana; ed in questo cruciale periodo che il mondo attraversa per l'egoismo e lo spirito egemonico delle nazioni cosidette plutocratiche, il suo cuore di vecchio italiano sente tutto lo sdegno per la grave ingiustizia che esse ancora pretendono consumare contro popoli giovani e di antica civiltà.

Translation

From his native Agira, in the province of Catania, about forty years ago Orazio Millauro, a student in medicine, came to try his luck in this metropolis of London. Beacause of the family's economic circumstances he had to stop his studies at the University of Catania, and borrowing a certain sum of money from friends, he changed his beautiful sky for the mists of London however his heart always remained Italian.

Armed with his own strong will and the awakened ingenuity Millauro in London undertook all sorts of work to achieve that social grade, aiming for his aspirations that the family's financial hardship had clipped to his homeland. Started as a labourer in a pharmacy, washing bottles, mashing drugs; then passed through various clinics as an assistant. One day wandering the streets of London, an inscription on the window of a shop attracted his attention: it was to eradicate the hair from female faces. Immediately thought that this trade would be his fortune and to learn the means without any hesitation he went in the store demanding, to the surprise of the owner who believed she was facing a demented person, that she pull out the hairs from the beard that was bothering him. The woman did not hesitate much and subjected him to the operation. In twenty minutes she extracted some dozens hairs while he had all the comfort to observe how to use the machine, the brand and the quality of the anesthetic.

After a few weeks, thanks to good publicity, he had his premises and an ever increasing good clientele with large pecuniary profit which allowed him to enroll in the Faculty of Medicine, attending the courses at the Charing Cross Hospital. This trade, however, began to go wrong because of the greed of his publicity agent who claimed three quarters of earnings, because of this he became a masseur until having obtained the degree in medicine and surgery he opened his own clinic in Chelsea that in a couple of years brought him notoriety and enormous earnings. After several years he opened another clinic in another neighbourhood that was also very successful, advanced in years, he decided to retire from professional business.

Retired to private life he wanted to be the effective collaborator of his daughter Rosa, in the manufacture of artificial eyes. Magazines and English scientific journals, have often dealt with this. Although born abroad our compatriot, the only woman in England to do this, manufactured artificial eyes of such naturalness that when inserted with a special method in the eye socket acquired the same mobility of the natural eye and it is difficult to see the difference.

Millauro despite having spent his long life in London exercising his profession in the English environment, lost nothing of his Italianness. During the period of sanctions he has made his modest dutifully propaganda for the just Italian cause; and in this crucial period that the world is going through because of the selfishness and hegemonic spirit of the so-called plutocratic Nations, his heart of an old Italian feels all the outrage at the grave injustice that they still maintain to use against a young nation and ancient civilization.