Anglo-Italian
Family History Society

Home Page » transcriptions » leonardi_g

AIFHS logo

The information below has been extracted from the original Italian article contained in the 1939 Edition of the "Guida Generale Degli Italiani In Gran Bretagna". An English translation has been provided below the transcription. Please inform the Webmaster of any translation errors.

LEONARDI, G

L'antica e famosa ditta di fabbricanti di statuette di gesso etc. in Inghilterra, non è nè una società nè una compagnia. Il suo solo proprietario è C. Leonardi, ed egli stesso sta a capo di ogni reparto. Egli avvia gli affari, e cura lo sviluppo di ogni reparto, lo vede sviluppare sotto i propri occhi e non trova difficoltà a continuare a fare ciò che ha sempre fatto. È cosi semplice a spiegarsi, come egli lo spiega, eppure è la verità.

Il Signor Leonardi ha avuto la fortuna di nascere in Toscana, la culla dell'industria delle stetuette. Da bambino non vedeva altro che statuette, tutte le persone che lo circondavano erano interessate all'arte. I suoi primi giochi si svolsero intorno al banco di lavoro, i suoi primi giocattoli erano statuette rotte, e fu per istinto naturale che, quando crebbe, desiderasse andare a Londra, già uno dei più importanti mercati del mondo intero per tale espressione d'arte. Egli venne, vide e conquistò. Lentamente da principio, quindi più rapidamente e con più facilità, andò da una rimessa a una piccola bottega, da una più piccola ad una più grande e quindi a una fabbrica, e cosi sempre avanti fino alla fabbrica Leonardese di oggi, a via Elthorne Road, che è l'orgoglio di tale industria.

Nel 1914, il procedimento Leonardi sconfisse i suoi competitori (ed erano moltissimi i nomi) e divenne argomento di conversazione di tutti i circoli commerciali, specialmente dei venditori di cose d'arte, dei Depositi, musei cattolici dove le statuette di Leonardi erano altamente lodate e acquistate regolarmente. Il procedimento di fabbrica era estremamente difficile, infatti, per un lungo periodo, sembrò impossibile arrivare a quella perfezione desiderata, ma la pazienza vinse la lunga e costosa battaglia, e le statuette dei Leonardi furono giudicate nel sentimento (se pure ne hanno bisogno) che esse sono regine in tutto il campo di questa lavorazione. Oggi, questa nuova levigata "finitura" tesa a soffrire l'influenza del nuovo procedimento, ed anche i più profani sanno che è la finitura (possiamo chiamarla pulitura, levigatezza, apparenza ecc.) che causa la vendita quasi come il disegno e la figura.

MIGLIAIA DI DISEGNI.

Vi sono persone che non hanno dato mai più di uno sguardo di passaggio alle statuette di gesso e credono che non vi sono più di una mezza dozzina di disegni (modelli), quali "IL BACIO, GLI AMANTI, RAGAZZA CON COLOMBA", e può essere un portalibrì. Noi invidiamo la loro innocenza. Oggi vi sono centinaia di differenti disegni e la fabbrica Leonardi può vantarne migliaia - Un artista molto competente e capace è necessario per creare gli originali, e qui il Signor Leonardi ha pochi uguali nell'industria. La cera deve essere modellata, pressata, cesellata e lavorata fino a che ogni lineamento del volto, ogni piuma dell'ala, ogni petalo del fiore è perfetto. Il gesso è quindi accuratamente premuto sopra questo originale finché ogni possibile impressione e ombra di impressione è ottenuta e il forno fa il resto ad una certa temperatura naturalmente. Dopo ciò la parte esterna à tagliata in due metà che formano il nido di tutte le future statue fatte dallo stesso disegno. Com' è facile. Ma moltiplicate l'azione per un milione all'anno di statue.

Infatti la ditta Leonardi vende benissimo; non a dozzine, non a centinaia, ma a migliaia e a dozzine di migliaia. Quindi il numero totale delle statuette vendute ogni anno passa di molto il milione. Figure e gruppi religiosi, modelli di teste di famosi uomini di stato, re e regine, soggetti classici, fiori e allegorie . . . chi potrebbe contare, per non numerare i soggetti soli? Ed ecco che vengono per altre ditte teste, bottiglie, barili, figure femminili per esporre corsetti, teste per esporre cappelli, busti per esporre collane e cinture (fermagli) e cosi avanti all'infinito. Si parla di direttori di pubblicità, di geni degli affari, di acume negli affari, di disegnatori, e si dimentica di apprezzare il meraviglioso valore di vendita, dei ben disegnati, ben levigati, e dei simpaticamente dipinti AVVISI PUBBLICITARI in gesso. Cosi è il mondo.

IL MAESTRO APPREZZATO.

Inutile dire che tale impresa non è tenuta nascosta. La ditta avrebbe potuto continuare a progredire dai suoi umili inizi e avrebbe potuto raggiungere una certa grandezza, ma noi siamo d'accordo con il Signor Leonardi stesso: "la pubblicità, se è buona per i suoi (e che clienti) è anche buona per lui". Gli avvisi economici sono il sostegno degli affari, oggi. E cosi il Signor Leonardi si organizza a far conoscere le sue merci a quanti più compratori è possibile, non solo in Inghilterra, ma anche sul continente. Anno dopo anno alla fiera Britannica delle industrie il suo padiglione è visitato, osservato da innumerevoli compratori di diverse Nazioni. C' è molto da ammirare là; un'infinita esposizione di statuette semplicemente e ben dipinte, scritti pubblicitari, divengono il punto di attrazione di tutte i compratori interessati, e di molti visitatori di passaggio. La regina Maria si fermò ammirò e graziosamente comprò una statuetta alla fiera, l'anno scorso e a questo riguardo vorremme illustrare un aspetto della prospettiva di vita di Leonardi o psicologia, come alcuni preferiscono chiamarla, Uno dei suoi più perfetti e attraenti busti è quello che rappresenta la simpatica regina Madre; Ella sorride regalmente, maestosamente e pure familiarmente. È proprio un' opera d'arte. Ammirata da tutti, molti domandarono come avveniva che essa era cosi emergente, cosi in evidenza che colpisce fra tanta perfetta riproduzione. È il Signor Leonardi così spiegò: "Quando la Regina Maria venne nel mio padiglione, io raggiunsi qualche cosa di più grande che io avessi mai pensato. Pensai e pensai molto, finché decisi di fare il mio "originale" e riprodurre i lineamenti sorridenti della Regina per tutti e diversi per ammirare e ricordare". I busti del defunto Re Giorgio V e del presente Re Giorgio VI sono anche molto ammirati. Per quanto riguarda le Esibizioni continentali, le sue esposizioni sono veramente belle e non perdono neanche un iota al paragone e in competizione delle statuette prodotte all'estero. Al contrario esse le sorpassano come testimonia la seguente lista della non comune assegnazione di premi:

  • GRAN PREMIO E MEDAGLIA D'ORO. Padova 1931.
  • MEMBRO DI GIURIA AD HONOREM E MEDAGLIA D'ORO. Firenze 1934.
  • DIPLOMA FUORI CONCORSO. Firenze 1934.
  • GRAN PREMIO E MEDAGLIA D'ORO Londra 1934
  • GRAN PREMIO E MEDAGLIA D'ORO DEL GIUBILEO Londra 1935.
  • DIPLOMA FUORI CONCORSO Londra 1935.
  • DIPLOMA FUORI CONCORDO. MEDAGLIA D'ORO. ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE. Brusselles 1935.

È abbastanza, o dovrebbe esserlo, ma con la vitalità del Signor Leonardi, la fortuna buona e l'ambizione, vi è ogni probabilità che egli continuerà ad esporre in Londra e all'estero con sempre maggior successo.

SULLE ALTURE di HIGHGATE.

La meravigliosa, moderna, ben illuminata fabbrica sulle colline di Highgate dà il benvenuto a tutti. Vi è sistema, progresso efficienza, ambizioni ... E cos'altro possiamo dire del signor Leonardi? Felice, sorridente sincero, capace, ambizioso quanto basta, generoso verso i suoi innumerevoli lavoranti e impiegati, orgoglioso del suo nome e della città in cui nacque, quanto lo è dei suoi amici e conoscenti di più.

La sua nascita italiana è evidente nella sua magnifica atletica figura e noi andiamo più lontano dicendo che avrebbe potuto essere il modello più pagato dagli artisti del suo paese se egli avesse scelto un'altra professione. Il suo patriottismo italiano, la sua educazione, civiltà - "traspirano da lui", come alcuno direbbe.

Egli ha legami spirituali con i grandi artisti di quella terra tanto artistica, forse è questo il perchè pure tanti amici britannici lo ammirano.

PER ARDUA AD ASTRA: attraverso il difficoltoso alla gloria.

Translation

The ancient and famous firm of manufacturers of plaster statuettes etc. in England, is neither a society nor a company. Its sole owner is G. Leonardi, and he is at the head of each Department. He starts the business, and tends the development of each Department, sees him develop under his eyes and does not find it difficult to continue doing what he has always done. It's so simple to explain, as he explains it, yet it is the truth.

Leonardi has had the good fortune to be born in Tuscany, the cradle of the statuette industry. As a child he did not see anything but figurines, all the people around him were interested in art. His first games took place around the workbench, his early toys were broken figurines, and was by a natural instinct that, when he grew up, he wanted to go to London, already one of the most important markets in the world for this expression of art. He came, saw and conquered. Slowly at first, then faster and with more ease, went from a shed to a small shop, from a smaller one to a larger one and then to a factory, and so always forward to Leonardi factory of today, in Elthorne Road, which is the pride of this industry.

In 1914, Leonardi defeated his competitors (and they were many names) and became the topic of conversation in all business circles, especially of the vendors of art things, of warehouses, Catholic museums where Leonardi figurines were highly praised and purchased regularly. The manufacturing procedure was extremely difficult, in fact, for a long time, it seemed impossible to get to that desired perfection, but patience won the long and costly battle, and statues of Leonardi were judged in sentiment (if they needed it) that they are the Queens in all the field of this processing. Today, this new polished "finish" is able to suffer the influence of the new procedure, and even the most uninitiated know that it is the finish (we can call it cleaning, smoothness, appearance etc.) that brings about the sale as much as the design and the figure.

THOUSANDS OF DESIGNS.

There are people who have never given more than a passing glance to plaster figurines and believe that there are no more than a half-dozen designs (models), such as "THE KISS, THE LOVERS, GIRL WITH DOVE", and maybe a bookstand. We envy their innocence. Today there are hundreds of different designs and Leonardi factory can boast thousands. A very competent and capable artist is needed to create the original, and here Leonardi has few equals in the industry. The wax should be shaped, pressed, chiselled and worked until every line of the face, each wing feather, each petal of the flower is perfect. The plaster is then carefully pressed over this original until each possible impression and shadow of impression is obtained and the oven does the rest at a certain temperature naturally. After this the outside part is cut into two halves which form the nest of all future statues made from the same drawing. How easy it is. But multiply the action for a million statues a year.

In fact, the Leonardi company sells very well; not in dozens, not in hundreds, but thousands and dozens of thousands. So the total number of statuettes sold each year passes the million. Figures and religious groups, models of the heads of famous men of State, Kings and Queens, classical subjects, flowers and allegories ... who could count, not number the individual subjects? And here come for other companies heads, bottles, barrels, female figures to display corsets, heads to display hats, busts to display necklaces and belts (clips) and so on forever. We talk about directors of advertising, genes, of business acumen, of designers, and you forget to appreciate the wonderful value of sales, of well designed, well polished, and nicely painted plaster ADVERTISING ALERTS. That is the world.

THE MASTER APPRECIATED.

Needless to say that this company is not kept hidden. The firm could continue to progress from his humble beginnings and could reach a certain grandness, but we agree with Leonardi himself: "advertising, if it's good for your customers it is also good for oneself". Economic adverts are the support of business, today. And so Leonardi arranges to publicize his goods to as many buyers is possible, not only in England, but also on the continent. Year after year the British industries fair his pavilion is visited, seen by countless buyers of different nations. There is much to be admired there; an endless display of statues simply and well painted, written advertisments become a point of attraction of all the interested buyers, and of many visitors passing through. Queen Mary stopped, admired and graciously bought a statuette at the fair last year and in this respect we want to illustrate one aspect of life perspective of Leonardi or psychology, as some prefer to call it. One of his most perfect and attractive busts is that representing the Queen Mother. She smiles royally, majestically and even familiarly. It's justly a work of art. Admired by all, many asked how it happened that it came into being, so that it clearly stands out among many perfect reproductions. Leonardi so explained: "When the Queen Mary was in my Pavilion, I realised something bigger than I had ever thought. I thought and thought a lot, until I decided to make my "original" and reproduce the smiling Queen features for all and sundry to admire and remember." The busts of the late King George V and the present King George VI are also much admired. In respect of the continental Exhibitions, his displays are truly beautiful and do not lose even one iota in comparison and in competition with the figurines produced abroad. On the contrary they surpass them as evidenced by the following list of uncommon assignment of prizes:

  • GRAND PRIZE AND GOLD MEDAL. 1931 Padua.
  • HONORARY JURY MEMBER AND GOLD MEDAL. Florence 1934.
  • DIPLOMA HORS CONCOURS. Florence 1934.
  • GRAND PRIZE and GOLD MEDAL London 1934
  • GRAND PRIZE and GOLD MEDAL OF THE JUBILEE London 1935.
  • DIPLOMA HORS CONCOURS London 1935.
  • DIPLOMA HORS CONCOURS. GOLD MEDAL. INTERNATIONAL EXPOSURE. 1935 Brussels.

It is enough, or should be, but with the vitality of Leonardi, good luck and ambition, there is every chance that he will continue to exhibit in London and abroad with increasing success.

ON THE HEIGHTS of HIGHGATE.

The beautiful, modern, well-lit factory on the hills of Highgate welcomes everyone. There is system, efficienct progress, ambition ... And what else can we say of Leonardi? Happy, smiling, sincere, capable, ambitious enough, generous to his countless workers and employees, proud of his name and the city where he was born, as his friends and acquaintances more.

His Italian birth is evident in his magnificent athletic figure and we go as far as saying that it could have been the highest paid model by the artists of his country if he had chosen another profession. His Italian patriotism, his education, civility "ooze from him", as some would say.

He has spiritual ties with the great artists of that very aretistic land, maybe because of this truly why so many British friends admire him.

PER ARDUA AD ASTRA: Through adversity to the stars.