Anglo-Italian
Family History Society

Home Page » transcriptions » abbiati_enrico

AIFHS logo

The information below has been extracted from the original Italian article contained in the 1939 Edition of the "Guida Generale Degli Italiani In Gran Bretagna". An English translation has been provided below the transcription. Please inform the Webmaster of any translation errors.

ABBIATI, CAV. ENRICO ANDREA

Tenace e serio negli affari il Cav. Enrico Abbiati ha seputo da anni affermare in questa metropoli l'importazione italiana dei feltri per cappelli di cui questo paese stesso è stato in passato un forte esportatore. Si può dire che i migliori feltrifici italiani trovano in lui il maggiore produttore di affari all'estero.

Conosciutissimo ed apprezzato nel mondo commerciale della city egli lo è altrettanto tra i connazionali per quella sua solerte attività e generosità in tutte le manifestazioni patriottiche e benefiche promosse dal Fascio e tra la comunità.

Egli è un fascista del 21 ed appartiene a quel primo nucleo che prese l'iniziativa della fondazione del Fascio di Londra.

Di fede fascista adamantina egli, come altri schietti camerati, mai ha avuto un attimo di titubanza sulle sorti del fascismo attraverso la sua contrastata e difficile ascesa, ma sempre coll'animo teso verso il Duce, colla visione di un'Italia sempre più grande e forte, disprezzante del pericolo e dei propri interessi è stato un alacre propagandista del fascismo e della causa italiana durante il periodo delle sanzioni.

Queste sue qualità di commerciante intraprendente e serio, di fascista schietto ed attivo hanno avuto il riconoscimento tangibile delle superiori autorità, che recentemente si sono degnate di conferigli il Cavalierato dell'Ordine della Corono d'Italia.

Attualmente il Cav. Abbiati è membro del Direttorio. Presidente del Dopo Lavoro del Littorio, Membro del Comitato dell'Ospedale italiano, nonché membro del Comitato di Assistenza. Consigliere del giornale "L'Italia Nostra".

Il Cavaliere Abbiati è giovanissimo, essendo nato a Monza il 20 marzo 1895 e molta attività, sia patriottica che benefica avrà ancora da svolgere negli anni avvenire.

Translation

Tenacious and serious in business the Cav. Henry Abbiati has known for years to promote in this metropolis the importing of Italian felt for hats of which this country has been in the past a strong exporter. It can be said that the best Italian felt makers have found in him the greatest producer of business abroad.

Well known and appreciated in the commercial world of the City, he is equally so among his compatriots for his zealous activities and generosity in all patriotic and charitable events promoted by the Fascio and the community

He is a fascist since 1921 and belongs to the first group that took the initiative of the Foundation of the London Fascio.

Having an adamant Fascist faith he, like other outspoken comrades, never had a moment's hesitation the fate of fascism through his hard-won and difficult rise, but always with a soul straining to il Duce, with the vision of an Italy increasingly larger and strong, spurning danger and his own interests he was a busy propagandist of fascism and of the Italian cause during the period of sanctions.

These qualities of an enterprising and serious trader, of an outspoken and active fascist who had the tangible recognition of Higher Authorities, which recently deigned to confer the Knighthood of the Order of the Crown of Italy.

Currently the Cav. Abbiati is a member of the Directorate. President of the Dopolavoro del Littorio (the "after work" Club), Member of the Board of the Italian Hospital, and a member of the Committee for Assistance. Director of the newspaper "L'Italia Nostra".

Cav. Abbiati is young, having been born in Monza March 20, 1895 and very active, whether patriotic or charitable he still can develop in the years to come.